Cittadinanza italiana per bimbi profughi nati sui barconi

cittadinanza genovese

L’appello dei pediatri italiani : cittadinanza italiana ai bambini stranieri nati sui ‘barconi

Appello della Fimp, Federazione Italiana Medici Pediatri, alle istituzioni per concedere la cittadinanza a tutti i minori nati durante le traversate dei migranti verso l’Italia

Tutti i minori che siano nati durante le traversate dei migranti verso l’Italia, anche se il parto non è avvenuto in territorio nazionale, devono ricevere automaticamente la nostra cittadinanza.

È il succo dell’appello indirizzato dalla Fimp, Federazione Italiana Medici Pediatri, con una lettera inviata al Presidente della Repubblica, del Consiglio del Ministri, della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica, oltre che ai Ministri degli Esteri, Salute, Interno, Lavoro e Politiche Sociali .

legge cittadinanza dei bambini ius soli

legge cittadinanza dei bambini ius soli

La motivazione della richiesta è semplice: ogni minore nato in viaggio da madre profuga a causa di guerra o condizioni di povertà merita di diventare cittadino italiano, considerando in primis l’impossibilità di farlo rientrare nel suo Paese d’origine per i conflitti in atto o per condizioni che costituiscono una minaccia per il suo stato di salute e la vita

Un appello rilanciato da Giampietro Chiamenti, presidente della Fimp, che racconta la genesi della richiesta maturata nel corso del X Congresso nazionale e che spera di ricevere l’adesione anche di altre società scientifiche e associazioni.

In pratica i pediatri di famiglia della Fimp vogliono mantenere alta l’attenzione “sulle disuguaglianze nel riconoscimento dei diritti dei minori nelle condizioni di maggiore vulnerabilità: le migrazioni forzate sono oggi una delle condizioni a maggior rischio sia per i fattori di espulsione tragici e spesso irreversibili, sia per le problematiche incontrate nel difficile percorso migratorio e le persistenti difficoltà nell’accoglienza in Italia e in Europa”.

Come sottolineano i pediatri della Fimp i primi giorni di vita sono essenziali per lo sviluppo di ogni individuo e per questo occorre garantire qualsiasi forma di recupero delle migliori condizioni psicofisiche sia per la madre che per il bambino che hanno dovuto affrontare un viaggio così pericoloso.

Inoltre è necessario, come ha sottolineato anche Maria Rosaria Sisto, (responsabile nazionale Fimp per il bambino immigrato), far durare il minimo indispensabile lo stato d’emergenza per genitori e minori, evitando che debbano rimanere a lungo nei centri di accoglienza o di identificazione (i cosiddetti C.a.r.a.)

La concessione dello ius soli ai minori servirebbe a tutelarli assicurando tutti i diritti fondamentali che sono garantiti dalle leggi italiane a tutti i bambini presenti sul nostro territorio nazionale.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Città

Il tuo messaggio


avvocato studio legaleavvocato per cittadinanza

About the Author

Sonia Paolin
Sonia Paolin
Web Writer, articolista e scrittrice di cittadinanza italiana