La richiesta di cittadinanza italiana per figli stranieri nati in Italia

cittadinanza

Coloro che nascono su suolo italiano da genitori stranieri non ottengono in automatico la cittadinanza italiana : infatti la legge italiana prevede che i figli di genitori stranieri nati in Italia mantengano la cittadinanza dei propri genitori.

Tuttavia, al raggiungimento dei 18 anni, questi avranno la possibilità di optare per mantenere la cittadinanza originaria o richiedere quella italiana : nel secondo caso avranno un trattamento di favore, ovvero la legge italiana prevede una corsia preferenziale.

Infatti anziché doversi rivolgere alle prefetture, i figli di genitori stranieri nati in Italia, al raggiungimento dei 18 anni, si recheranno direttamente presso l’Ufficiale di Stato Civile del Comune di Residenza, al quale avanzeranno richiesta di cittadinanza e il quale li iscriverà nei relativi registri, dopo aver ricevuto il consueto giuramento.

Affinché sia possibile usufruire di questo trattamento preferenziale, però, è necessario non solo essere nati in Italia ma che i genitori possedessero regolare permesso di soggiorno al momento della nascita del figlio e che lo stesso sia stato prontamente registrato nel nucleo familiare, acquisendo così residenza italiana.

È infatti necessario ci sia il requisito della residenza italiana ininterrotta dalla nascita fino al compimento dei 18 anni. Il dettato dell’art. 4 comma 2 della legge italiana n. 91 del 1992, infatti, dice che: «lo straniero nato in Italia, che vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età, diventa cittadino italiano se dichiara di voler acquistare la cittadinanza Italia entro un anno della suddetta data».

Proprio il requisito della residenza ininterrotta, in vero, è il maggior problema che si riscontra nell’applicazione di questa norma: non è così infrequente che la registrazione del nuovo nato avvenga in ritardo o non sia effettuata durante tutto il periodo che va dalla nascita al diciottesimo anno di età.

A tal fine, recentemente, per mezzo della circolare K 64.2/13 del 7 novembre 2007 il Ministero dell’Interno ha precisato che il requisito della ininterrotta residenza va valutato in forma elastica, autorizzando a tenere in considerazione non solo il certificato storico di residenza ma anche altri documenti che comunque dimostrino la residenza su suolo italiano del richiedente.

Per coloro dunque che volessero avvalersi di tale agevolazione, i documenti occorrenti per richiedere la cittadinanza italiana sono: ricevuta del pagamento del contributo pari a € 200 che dovrà avvenire sul conto corrente postale 809020 intestato al Ministero dell’Interno; copia integrale dell’atto di nascita; passaporto in corso di validità; permesso di soggiorno ininterrotto dalla data di nascita sino al compimento dei 18 anni di età; certificato storico di residenza dalla nascita sino al compimento dei 18 anni di età.

Come detto, nel caso di interruzioni nel permesso di soggiorno o tardiva iscrizione del minore nell’anagrafe dei residenti, si dovranno tenere in considerazione altri documenti come certificati medici, certificati scolastici e via dicendo che dimostrino la sua presenza in Italia.

Va detto infine che non tutti gli Ufficiali di Stato Civile accettano questa documentazione a supporto e diniegano la cittadinanza italiana:  è possibile in tal caso avanzare ricorso, rivolgendosi ad un avvocato per cittadinanza, e ottenere la corretta applicazione della normativa in sede giurisdizionale. La giurisprudenza, infatti, è favorevole alla applicazione elastica del requisito della ininterrotta residenza, dichiarando illegittimi il rifiuto dei Comuni e ordinando così la iscrizione del postulante.

Vanno tenuti in considerazione due elementi: primo vi è a disposizione solamente un anno di tempo dopo il compimento del diciottesimo anno di età per richiedere la cittadinanza italiana avvalendosi di tale agevolazione; secondo, alcuni paesi non ammettono la doppia cittadinanza e di conseguenza l’ottenimento della cittadinanza italiana farà perdere in automatico la cittadinanza originaria.

Aggiornamento : Si rimanda alla Riforma della Cittadinanza Italiana per i figli stranieri nati in Italia

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Città

Il tuo messaggio


avvocato studio legaleavvocato per cittadinanza

About the Author

Giraldi Costantino
web Writer , web content manager, scrittore di cittadinanza italiana e immigrazione

10 Comments on "La richiesta di cittadinanza italiana per figli stranieri nati in Italia"

  1. documenti che servono per cittadinanza per bambini nati in italia

    ciao caro signor e signori,io voglio sapere per fare richiesta per cittadinanza per miei figli uno 1 anno e 9 mese e altro 4 mese possiamo fare la domanda?
    poi quali documenti servono?
    anche dobbiamo pagare quanto per un bimbo?
    mi scrivi tutto grazie

  2. Buona sera mi chiamo .. ho avuto in Italia dal ..ho due bambine una di 19 anni e l’altra di 9 anni.
    Quella di 19 anni è venuta con me nel .. aveva 2 anni e mezzo a fatta tutte le scuole qui dal asilo fino alla superiore adesso doveva frequentare la università ma a presso un anno sabbatico volevo sapere se anche per lei va bene questa legge di chiedere la cittadinanza e cosa devo fare se può averla dove devo andare a chiedere informazione o in comune o in questura.
    Poi la piccola è nata qui adesso a 9 anni chiedo informazione per poter muovermi e come comportarmi grazie aspetto una vostra risposta attentamente.

  3. Ho un figlio nato in italia ha già 18 anni anche la carta di soggiorno, Ma La scuola la fatta in Egitto possible fare la domanda lo stesso o doveva per fare La scuola in italia? Grazie Mille

  4. Buongiorno,
    Ho 3 figli minori tutti nati qui in Italia, sia io che mio marito abbiamo la carta di soggiorno. Vorrei sapere se la legge è stata approvata e da quando sará possibile presentare domanda. Inoltre, io sono arrivata in Italia ch avevo 12 anni compiuti, ho frequentato la scuola superiore e ottenuto il diploma.vorrei sapere se anch’io posso presentare la domanda per la cittadinanza.
    Ringraziandovi anticipatamente, porgo cordiali saluti

  5. Il testo definitivo della riforma sulla cittadinanza prevede che i bambini nati in Italia diventino italiani per nascita soltanto se almeno uno dei genitori ha il permesso dell’Ue per soggiornanti di lungo periodo (valido per i cittadini extra Unione Europea) o il ‘diritto di soggiorno permanente’ (per cittadini Ue).
    Buongiorno,
    questa riforma è già stata approvata?.. sè si.. cosa devo fare per chiedere la cittadinanza per i miei figli?
    Grazie in anticipo per la collaborazione.
    cordiali saluti

  6. Io già cittadino italiano però il mio figlio remasto senza per motivi di residenza adesso la mia moglie ha già fatta la domanda anche lei .sono stancato per fare qualcosa niente il mio figlio anche in invalidità civile 100% non so cosa fare grazie

  7. Buon giorno.Volevo sapere Se firmato la legge per cittadinanza Italiana per figli nati in Italia.il permesso di soggiorno di lungo periodo ho io e mio marito. Siamo Ucraini e mio passaporto scade nel settembre del 2016. Siamo qua da 9 anni e bambini nati qui.grazie per la risposta

  8. Buonasera volevo fare una domanda in merito alla cittadinanza per un ragazzo nato in Italia da sempre residente in Italia e a breve farà 18 anni e vorrebbe chiedere la cittadinanza da solo ma da qualche mese si è trasferito in Francia con la famiglia dove ha la residenza ma lui può fare richiesta per la cittadinanza italiana presso il consolato italiano in Francia ?

  9. sono andata a chiedere la cittadinanza m’hanno detto in comune que non potevo io e mio fratello perché siamo gemelli perché quando avevo sei mesi mamma non avendo una casa ci hanno fatto ritornare in Camerun,mamma faceva la bandate ,sicché siamo andati in Camerun con papà,abbiamo fatto un anno siamo ritornati in Italia da l’ora noi non siamo né camerunese né italiani avendo fatto tutto le nostre studi in Italia vado al ambasciata del Camerun a Roma non mi vogliono legalizzare l’atto di nascita del Italia per farmi avere a meno un passaporto.grazie

  10. Un mio amico siriano ha ottenuto la cittadinanza italiana ha fatto anche il giuramento, la casa dov’è residente e di sua proprietà, ma ha cambiato il domicilio in un paese vicino, il comune di residenza rifiuta la registrazione dei figli con la cittadinanza, in quanto dicono che sono andati in casa, e sono stati informati che la famiglia non abita più in quel indirizzo, il che il comune chiede al mio amico che i figli la devono chiedere al nuovo comune dove sono andate ad abitare dopo che hanno trasferito la residenza, il comune di trasferimento, risponde che è possibile fare questa richiesta una volta ottenuta la residenza, ma non è certo che il Sindaco la concede hai figli, in quanto il padre ha fatto il giuramento nell’altro comune adesso cosa può fare.

Comments are closed.