Reddito minimo per la cittadinanza italiana

cittadinanza italianacittadinanza italiana

Domanda : Qual’è il reddito minimo necessario per presentare la domanda di cittadinanza italiana ?

Nel caso di domanda di cittadinanza italiana per residenza ai sensi dell’art 9 della legge 5 febbraio 1992 n.91 è necessario essere in possesso di un reddito personale o familiare negli ultimi tre anni pari a euro 8.263,31 per il solo richiedente.

Invece è necessario euro 11.362,05 per il richiedente con coniuge ed euro 516,46 per ogni figlio a carico.
Si devono allegare alla domanda di cittadinanza italiana i modelli fiscali CUD, UNICO, 730 relativi ai redditi degli ultimi tre anni.

E’ possibile prendere in considerazione il reddito dell’intero nucleo familiare al quale richiedente cittadino italiano appartiene quando si evince che esistono altre risorse che concorrono a formare il reddito.

Per la richiesta di cittadinanza per matrimonio non è necessario un reddito minimo, essendo sufficiente lo status di coniuge con cittadino italiano.

Il reddito minimo per la cittadinanza italiana è uno dei requisiti richiesti dalla Legge n. 91/92. A definire l’importo del reddito minimo è l’articolo 9 della medesima legge 5 febbraio 1992 n.91, che indica che il richiedente cittadinanza italiana deve possedere un reddito personale annuo di euro 8.263,31.

Tale reddito fa riferimento al solo richiedente la cittadinanza italiana : si dovrà dunque allegare alla richiesta di cittadinanza la documentazione fiscale (ad esempio la Dichiarazione dei Redditi o il CUD o il 730) che dimostri che il richiedente stesso possiede detto reddito.

Non è sufficiente, però, essere in possesso di tale reddito minimo per il solo anno nel quale si richiede la cittadinanza: la normativa, infatti, prevede che il reddito minimo per la cittadinanza debba essere rispettato nel triennio precedente la richiesta di cittadinanza stessa. Ciò significa che il richiedente cittadinanza deve avere un reddito minimo di € 8.263,61 all’anno per tutti i tre anni precedenti l’anno nel quale fa richiesta di cittadinanza italiana.

Chiaramente, poiché si deve dimostrare allo Stato italiano quali sono le proprie fonti di sostentamento, è necessario che il reddito provenga esclusivamente da fonti lecite e che sia stato regolarmente dichiarato, pagando le relative imposte.

Se il richiedente cittadinanza fa parte di un nucleo familiare, quindi se è sposato o ha dei figli, allora il reddito minimo per la cittadinanza viene aumentato da euro 8.263,31 a euro 11.362,05. Al nuovo reddito minimo di €11.362,05 richiesto per il richiedente con coniuge, si sommeranno ulteriori euro 516,46 per ogni figlio a carico.

È facile comprendere il motivo sottostante tale aumento del reddito minimo: il futuro cittadino italiano deve dimostrare allo Stato di essere in grado di far fronte alle necessità economiche e sociali della propria famiglia, sia che questa sia composta da marito e moglie, sia che questa contempli la presenza di figli.

Non si deve vedere però, nell’aumento del reddito minimo per la cittadinanza in caso di nucleo familiare, solamente uno svantaggio per il richiedente: infatti mentre quando il richiedente cittadinanza è single dovrà essere il richiedente stesso a possedere il reddito minimo richiesto, nel caso il richiedente cittadinanza sia membro di un nucleo familiare il reddito minimo si considererà in capo al nucleo familiare stesso.

Questo significa che, in caso di nucleo familiare, a concorrere a formare il reddito minimo richiesto sarà sia quanto guadagna il richiedente, che quanto guadagna il coniuge e/o i figli. In questo modo, sostanzialmente, anche un richiedente cittadinanza senza reddito minimocome potrebbe essere un giovane studente o una casalinga – potrà comunque rispettare il requisito del reddito minimo poiché saranno gli altri membri del nucleo familiare a integrare il reddito minimo richiesto, con il proprio reddito.

A questo punto rimane solamente da definire chi si debba considerare membro del nucleo familiare, per calcolare quanto debba essere il reddito minimo richiesto e chi possa integrare tale reddito minimo con il proprio: ebbene, in base alla circolare K. 60.1 del 05/01/2007 del Ministero dell’Interno, si considerano membri del nucleo familiare tutti coloro che risultano iscritti nello stato di famiglia.

Concludiamo dicendo che, qualora il reddito minimo per la cittadinanza sia insufficiente rispetto quanto richiesto dalla Legge n. 91/92 e qualora sia questo l’unico requisito di cui il richiedente è carente, prima di formalizzare il diniego alla cittadinanza italiana, la pubblica amministrazione dovrà richiedere, ai sensi delle leggi n. 15/2005 e n.80/2005, un’attualizzazione dei redditi al fine di individuare eventuali miglioramenti della posizione economica del richiedente stesso.

Ricordiamo infine che nel caso si richieda cittadinanza per matrimonio, non è necessario possedere e dimostrare un reddito minimo, essendo sufficiente lo status di coniuge con cittadino italiano.

avvocato studio legaleavvocato per cittadinanza


Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Città

Il tuo messaggio

About the Author

Avv. Angelo Massaro
Avvocato esperto in problematiche dell'immigrazione e diritto di cittadinanza

14 Comments on "Reddito minimo per la cittadinanza italiana"

  1. Salve ,

    Vorrei chiedere un’informazione , io sono un ragazzo Albanese di .. anni con ormai 10 anni in Italia con regolare permesso di soggiorno a tempo indeterminato e vorrei chiedere la cittadinanza italiana.

    Mio padre la ha acquisita l’anno scorso e di conseguenza anche le mie sorelle che sono nate qua in Italia e che sono minorenni ,invece a me hanno chiesto i CUD dei miei tre anni di lavoro , ma io avendo finito la scuola nel 2014 non li ho .

    Per avere la cittadinanza devo per forza aspettare i tre CUD ?
    Aspetto una risposta al più presto.

    La ringrazio.

  2. lavoro come colf..il Estratto Retributivo INPS. si chiede per gli ultimi tre anni? io comunque o superato reddito 8.300 euro, o per forza devo presentare cud, unico o 730, che non ho fatto.
    GRAZIE

  3. Ho 21 anni e ho una bimba di un anno.i miei non hanno più diritto di rinnovarmi i documenti.io non lavoro perchè non trovo lavoro.non so come fare.chiedo come potrei fare per chiedere la cittadinanza dato che mia figlia e nata qui in italia.

  4. Salve
    Io essendo cittadina italiana posso chiederla per mio marito che risiede all’estero ? Senza aggiungere il CUD?deve prima venire qui in Italia per la procedura?

  5. Salve avvocato. Ti auguro buon natale prima di tutto. Senta, vorrei prendere il passaporto Italiano (cittadinanza Italiano) sono un ragazzo Srilanchese. Sto lavorando a napoli in una casa come autista da 14 mesi con contratto. Ho la residenza in italia da quasi 12 anni , ho anche carta di soggiorno. Avvocato mi posso prendere la cittadinanza adesso o mi devo aspettare ancora? Grazie!

  6. Vorrei sapere se il reddito dichiarato è netto oppure lordo.grazie.

  7. salve, io sig.avv ho negli ultimi 3 anni circa 10000 euro di redito per ogni anno di questi 3 anni ho la moglie e una bambina a carico ma la domanda lo voglio fare solo io visto che mia moglie non ha 10 anni di residenza in italia voglio sapere se ce la faccio grazie

  8. Salve ,vorrei chiedervi un’informazione.Io voglio fare la richiesta per prendere la cittadinanza,ma non arrivo al reddito minimo.Vivo da sola con i miei tre figli e lavoro part time,quindi il mio cud e inferiore a 5000 euro.come devo fare?

  9. reddito minimo annuale imponibile e non

    vorrei chiedere se come reddito minimo annuale si intende solo il reddito imponibile annuale non inferiore a euro 8.263,31 ? Sono una ragazza residente in Italia dal 2006 e vorrei fare la domanda per la cittadinanza italiana quest’anno.

    Ho dei redditi imponibili superiori ai 10000 euro annuali per 2015,2014 e 2012 ma per anno 2013 raggiungo purtroppo solo 6000 euro. Il fatto è che l’altra metà dell’anno 2013 (intendo anno imponibile) sono stata pagata con la borsa universitaria che NON è imponibile come ho saputo dopo. L’importo in questione era 4800 euro del reddito NON imponibile.

    La mia domanda è se possono essere considerati anche gli importi non imponibili? Posso presentare la domanda quest’anno senza preoccuparmi che viene rigettata per la mancanza dei redditi minimi?

    Ho guardato nei siti delle prefetture diverse dalla mia città (Padova) e ho visto che alcune lo prendono in considerazione.

    Ho trovato anche la seguente informazione sul sito www. trevisolavora .it :

    “Il reddito non è previsto dalla legge come requisito di ammissibilità.
    Nell’ambito della valutazione altamente discrezionale circa l’opportunità di concedere la cittadinanza italiana, il Ministero dell’Interno può tenere conto della situazione reddituale dell’interessato e dei familiari conviventi, utilizzando come parametro il tetto per l’esenzione della spesa sanitaria (art.3- Decreto Legge n.382/89 convertito in Legge n. 8 del 25 gennaio 1990) che prevede un reddito non inferiore ad euro 8.263,31, incrementato ad euro 11.362,05 in presenza di coniuge a carico e con un’aggiunta di euro 516,46 per ogni figlio a carico.”

    Ma allora il reddito minimo è previsto come requisito o è valutabile?

  10. Sono residente regolare dal 1992 e non ho la cittadinanza.
    Divorziata con due figlie che sono diventate cittadine italiane.
    Una delle figlie adesso lavora e volevo sapere se posso fare la domanda.
    Mia figlia a percepito intorno a .. nel 2015 … Abbiamo avuto sempre la casa di proprietà. Sono anche una pianista laureata nel mio paese (Albania ) e convalidata a Milano la mia laurea a Giuseppe Verdi.
    Nonostante il mio contributo gratuito nel mio comune per promuovere il territorio non riesco a guadagnare. Ho sempre fatto col cuore tante iniziative culturale. Vorrei capire meglio anche se potrò avere la cittadinanza per merito artistici.

  11. Cosa si intende per “attualizzazione dei redditi al fine di individuare eventuali miglioramenti” ?. Perché i miei pur possedendo una residenza superiore ai 10 anni in Italia, non hanno un reddito maggiore del minimo richiesto.

  12. Vorrei sapere un informazione per quanto riguarda la cittadinanza italiana per matrimonio.
    Io sono cittadina italiana, vorrei fare la richiesta per la cittadinanza italiana per mio marito che è uno extracomunitario,il problema è che io non lavoro perciò non ho nessuno tipo di reddito ma mio marito si,possiamo fare la richiesta comunque? Oppure devo possedere pure io un reddito?

  13. Albania | 1 agosto 2016 at 7:08 |

    Buongiorno la contatto per avere informazioni per quanto riguarda il matrimonio. Io sono fidanzati con una ragazza albanese e abbiamo deciso di sposarci. Lei attualmente risiede ancora in Albania ma a settembre si trasferisce in Italia. La mia domanda è per poterci sposare io che sono cittadino italiano devo avere un reddito dimostrabile? O possiamo fare il matrimonio senza alcun problema a parte le documentazioni richieste

  14. Bongiorno ,io sono cittadino italiano da agosto 2015 vivo in Italia con mia moglie.voglio fare la domanda per lei ,ha il permesso di soggiorno fino agosto 2017.lei sta qui da 10 anni, noi abbiamo di figli grandi una e cittadina italiana. Mia moglie Puo fare adesso la domanda?ha bisogno di reddito? E per atto di matrimonio,sufficient quello dell comune? Oppure obbligatorio quello del Marocco ?e certificato di storico e certificato penale in Italia ha bisogno anche? Grazie mille per vostro risposta

Comments are closed.