Riforma della Cittadinanza: pregiudiziali respinte, si apre la discussione al Senato

cittadinanza italianacittadinanza italiana

Riforma della Cittadinanza Italiana : stop alle pregiudiziali, si apre la discussione

La riforma della Legge sulla Cittadinanza italiana prosegue il proprio iter parlamentare: superate le questioni di pregiudizialità avanzate dalla Lega, con il voto contrario di Partito Democratico, Popolo delle Libertà, Sinistra Ecologia Libertà e l’astensione del Movimento 5 Stelle, è ora aperta la discussione generale sul provvedimento da parte della Commissioni Affari Costituzionali del Senato. A poco sono valsi, quindi, gli interventi dei senatori Calderoli (Lega Nord), Malan e Gasparri (FI-PdL) che invitavano la Commissione al rigetto del documento per una più approfondita analisi dello stesso.

Nello specifico, il senatore Calderoli aveva sottolineato come, alla luce dei recenti attentati terroristici di Parigi, fosse opportuno ripensare alla gestione dei flussi migratori e per questo sarebbe stato preferibile inserire l’intervento di riforma in un più largo contesto, “tenendo conto delle primarie esigenze di sicurezza dei cittadini, bene primario che le società europee sono oggi chiamate a tutelare”.

In secondo luogo, aveva sottolineato come la riforma preveda l’attribuzione della cittadinanza italiana al figlio di ignoti trovati nel territorio della Repubblica: a fronte dei tanti minori non accompagnati che entrano illegalmente nel suolo italiano, vi potrebbero essere delle distorsioni nell’applicazione di tale articolo.

Il senatore Malan (FI-PdL), invece, aveva fatto notare come la riforma discriminasse quei stranieri nati in Italia con età superiore ai 20 anni, ai quali si applicherebbe la normativa oggi vigente e meno di favore rispetto agli stranieri che hanno meno di 20 anni, i quali si vedrebbero avvantaggiati dalla nuova normativa.

Tweet dell'On. Malan Lucio

Tweet dell’On. Malan

Inoltre, aveva rilevato come la normativa discriminasse i cittadini di Stati appartenenti alla Unione Europea, che non potrebbero beneficiarne, visto che beneficerebbero della nuova fattispecie di acquisto della cittadinanza per nascita solo i cittadini di Stati non appartenenti all’Unione Europea. Da parte sua indicava come, “senza modificare la normativa vigente, sarebbe preferibile accelerare l’iter amministrativo per il riconoscimento della cittadinanza italiana”, che oggi dura anni.

Gasparri (FI-PdL), infine, aveva sottolineato come l’acquisizione della cittadinanza dovrebbe avvenire solo a seguito di un effettivo processo di integrazione, mentre sappiamo che molti stranieri che hanno acquistato la cittadinanzae continuano ad adottare i propri modelli culturali e non accettano gli stili di vita locali. “Basti pensare ai casi di mutilazioni genitali femminili o di sottomissione della donna, fenomeni che purtroppo si registrano anche in Occidente”, ha commentato il senatore.

Il Movimento 5 Stelle ha invece chiarito la propria astensione per voce del senatore CRIMI, il quale ha segnalato come “il testo approvato dalla Camera dei deputati non sia del tutto condivisibile”, anche in considerazione del fatto che, al fine di correggere alcune anomalie determinate dalla normativa vigente, viene introdotta una forma attenuata di ius soli.

Al contempo, però, il Movimento 5 Stelle riconosce come la riforma della cittadinanza introduca norme a vantaggio dei minori, anche se queste non attribuiscono loro particolari benefici – perlomeno durante la minore età – “essendo già ampie le garanzie a favore dei bambini stranieri”.

pdf-icon

Testo completo discussione pregiudiziali in Senato

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Città

Il tuo messaggio


avvocato studio legaleavvocato per cittadinanza

About the Author

Giraldi Costantino
web Writer , web content manager, scrittore di cittadinanza italiana e immigrazione

1 Comment on "Riforma della Cittadinanza: pregiudiziali respinte, si apre la discussione al Senato"

  1. Sono Svizzera, ma da oltre 5 anni ho la residenza a Varese e mi piacerebbe prendere la cittadinanza Italiana. Dopo quanti anni posso fare la richiesta?
    Mio defunto marito era di nazionalità italiana.

    Ringrazio anticipatamente.

Comments are closed.