Rinnovo passaporto italiano 2023

Rinnovo passaporto cosa bisogna sapere

Il passaporto italiano è un documento di fondamentale importanza per chiunque voglia spostarsi dall’Italia verso l’estero. Come ogni documento d’identità, anche il passaporto a una durata limitata nel tempo prima di scadere. Bisogna sapere che è assolutamente necessario rinnovare il passaporto al momento della scadenza.

Troppo spesso, però, capita di ricordarsi che bisogna rinnovare il passaporto solamente all’ultimo momento, magari pochi giorni prima di partire, in questi casi potrebbe essere troppo tardi per rispettare i tempi tecnici richiesti per il rinnovo passaporto.

In questi casi può essere una vera scocciatura dover fare delle file interminabili, prendere appuntamenti e cercare di rispettare le tempistiche richieste per rinnovare il passaporto per poter andare all’estero.

Meglio sapere quindi come muoversi in anticipo in caso di rinnovo passaporto, quali sono i passaggi burocratici da fare, a chi rivolgersi e tutte le informazioni più utili da conoscere.

Quando rinnovare il passaporto

Il passaporto italiano va rinnovato alla scadenza oppure nell’ipotesi in cui sia stato smarrito, rubato, o abbia terminato le pagine.

Cominciamo con la domanda più importante: quando bisogna rinnovare il passaporto?

I passaporti italiani rilasciate a partire dal 2013 durano 10 anni e sono detti passaporti elettronici. Decorsi i 10 anni, non è possibile rinnovare il passaporto ma è necessario richiedere il rilascio di un documento nuovo.

I passaporti italiani e messi prima dell’anno 2013 duravano cinque anni, e chi ha questo documento con la scadenza di cinque anni può chiedere il rinnovo, non il rilascio di un documento nuovo, che durò per altri cinque anni.

Vi ricordiamo che se il vostro passaporto scadrà entro sei mesi è un documento valido di riconoscimento, ma non in tutti i casi viene accettato per l’espatrio.

In molti casi infatti capita che al confine o in aeroporto venga richiesto un passaporto con una validità residua superiore a sei mesi, controllate meglio sul sito ufficiale della Farnesina. Per stare tranquilli devi tare problemi è sempre meglio richiedere, in questi casi, il rilascio di nuovo passaporto.

Fino al 2012 i minorenni che viaggiavano all’estero potevano semplicemente essere scritti sul documento dei genitori, valido per l’espatrio, senza necessità di avere un loro documento di riconoscimento.

Oggi le cose son cambiate. I minorenni che vogliono viaggiare all’estero devono avere il loro passaporto, quindi non è più valida dal 2012 l’iscrizione sul passaporto dei genitori.

Il passaporto per i minorenni dura tre anni, per minori da zero a tre anni, i cinque anni, per minori da tre a 18 anni.

Costi del rilascio del passaporto

Come stiamo per vedere, il rilascio o rinnovo del passaporto a un costo.

In particolare bisogna sommare i costi della marca da bollo di 73,50 € con quelli del bollettino postale intestato al Ministero delle Finanze di 42,50 € per un totale di 116 € minimo per il rinnovo del passaporto.

Dove effettuare il rinnovo del passaporto

La pratica per il rinnovo del passaporto può essere eseguita presso gli uffici postali, uffici comunali, oppure la questura. È obbligatorio presentarsi alla questura commissariato per poter rilevare le impronte, step necessario nel corso del rinnovo del passaporto. Proprio per questo motivo può risultare più comodo effettuare tutti i passaggi in questura.

Attraverso il sito ad hoc sul portale della polizia di Stato è possibile fissare un appuntamento in questura per poter programmare una data a vostra scelta, per consegnare i documenti poter rilevare le impronte.

Se avete scelto di rinnovare il passaporto per tutta la famiglia dovresti prenotare più appuntamenti, tuttavia se provate a contattare telefonicamente servizio della questura è possibile che un operatore, se particolarmente disponibile, posso accettare più richieste per la stessa famiglia in un unico appuntamento, evitandovi quindi di dovervi recare più volte in questura.

Tenete conto che i tempi per poter prenotare l’appuntamento possono essere abbastanza lunghi, in alcune città grandi bisogna aspettare fino a quattro-sei mesi ottenere l’appuntamento in questura, ai quali bisogna aggiungere anche le tempistiche tecniche per poter ottenere la consegna del documento.

A questo punto recatevi in questura nel giorno fissato per il vostro appuntamento, per poter portare la documentazione (sotto descritta) per richiedere il rilascio del passaporto e per poter prendere le vostre impronte digitali.

Fatto ciò, dovete aspettare. I tempi per poter rinnovare il passaporto sono molto differenziati, potrebbero volerci solo uno o due giorni ma potrebbe volerci anche un mese. In genere, in una settimana e mezza lavorativa, il passaporto è pronto, ma è sempre meglio muoversi con largo anticipo.

Quali documenti presentare per il rinnovo del passaporto

Se volete effettuare la richiesta di rilascio del passaporto o il rinnovo del passaporto quinquennale, ecco la documentazione con la quale dovete presentarvi.

  1. La domanda di rinnovo, con un modello che si può scaricare online.
  2. Tue fotografie larga 35-40 mm, con inquadramento in primo piano del viso e delle spalle, che siano recenti e di alta qualità e in grado di permettere il riconoscimento.
  3. La copia del versamento sul conto corrente postale n. 67422808, di importo di 42,50 €, con causale “importo per il rilascio del passaporto elettronico di 32 pagine”, intestato al ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento del Tesoro.
  4. La carta d’identità o comunque un documento per il riconoscimento valido.
  5. Un contrassegno telematico del valore di 73,50 €.
  6. Il vostro vecchio passaporto. Nell’ipotesi in cui il passaporto sia stato smarrito o rubato, portate con voi la denuncia di smarrimento o furto.

Se dovete chiedere il rinnovo del passaporto per vostro figlio minorenne, dovete portare, oltre a questi documenti, anche la firma di assenso a rilascio del passaporto da parte dell’altro genitore. Nel solo caso in cui i genitori siano separati divorziati vi occorrerà anche l’autorizzazione del giudice tutelare.

Ho molta fretta: posso accelerare la richiesta del documento?

In alcuni casi, noti come di comprovata urgenza, è possibile accelerare il rilascio del passaporto accedendo ad una procedura d’urgenza, che accorci i tempi di attesa.

Sono considerati casi di urgenza i viaggi, purché documentate, per motivi di lavoro, oppure un viaggio urgente per motivi sanitari, un viaggio turistico, e altri motivi che vanno valutati di volta in volta dall’ufficio.

Per ulteriori informazioni potete contattarci..

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Città e telefono

    Il tuo messaggio

    accettazione

    avvocati Imperia studio legale

    About the Author

    Avv. Angelo Massaro
    Avvocato esperto in problematiche dell'immigrazione e diritto di cittadinanza

    Be the first to comment on "Rinnovo passaporto italiano 2023"

    Leave a comment