Avvocato per stranieri

Avvocato per stranieri: come scegliere il professionista giusto

Le specializzazioni in ambito legale sono davvero molte, infatti vi sono avvocati esperti in materia penale, altri civile, altri ancora in ambito matrimonale e poi vi sono avvocati preparati proprio per offrire agli stranieri un supporto adeguato in merito alle materie che più di frequente li riguardano.

Scopriamo da vicino questa figura e vediamo di cosa si occupa e come scegliere il professionista più adatto alle proprie esigenze.

Chi è l’avvocato per stranieri

Il diritto è una materia decisamente molto varia e complessa e conoscere bene tutto di ogni ramo è davvero un’impresa titanica.

Proprio per questa ragione, la professioni si è andata specializzando sempre più, complice anche la nascita di nuovi settori del diritto che sino a non molto tempo fa non esistevano ancora, si pensi ad esempio all’ambito informatico.

Da non trascurare vi è anche la questione che il mondo sta diventando sempre più interconnesso, così come la circolazione di persone che non di rado si spostano da un Paese all’altro per le motivazioni più svariate.

In seguito a questo fenomeno è di conseguenza aumentata sempre più la platea di stranieri che necessitano che di un supporto legale per numerose ragioni e ciò ha portato sempre più avvocati a specializzarsi proprio in questo settore.

Un avvocato per stranieri è un legale che si specializza nell’assistere le persone straniere con questioni legali in relazione alla loro permanenza all’interno di un Paese straniero. Possono aiutare con questioni come la richiesta di visti, la richiesta di asilo, la richiesta di cittadinanza, l’espulsione e altre questioni legali connesse all’immigrazione.

Per quanto concerne l’iter da seguire per diventare un avvocato per stranieri, questo non differisce dal percorso tradizionale: ci si laurea in giurisprudenza, si esegue la pratica possibilmente all’interno di uno studio specializzato in questo settore e si sostiene l’esame di Stato.

Al superamento dello stesso, si diventa avvocati a tutti gli effetti e si può decidere liberamente in quale campo specializzarsi, alcuni ad esempio potrebbero trovare utile la frequentazione di un master mentre altri potrebbero propendere per una diretta esperienza, non ci sono regole da seguire in tal senso.

Quando rivolgersi ad un avvocato per stranieri

Un avvocato per stranieri può essere consultato se si ha bisogno di aiuto in merito a questioni legali legate alla immigrazione e alla cittadinanza, come richiedere il permesso di soggiorno, presentare domande di asilo, ottenere la cittadinanza, e risolvere problemi con l’ufficio immigrazione.

Inoltre, può anche aiutare con questioni legali non legate all’immigrazione, come la redazione di contratti, la risoluzione di controversie e la difesa in caso di arresto o accusa penale.

Di cosa si occupa l’avvocato per stranieri

Vediamo sinteticamente quali sono le questioni di cui si occupa più di frequente un avvocato per stranieri anche se ovviamente non sarà possibile parlare di tutto, se hai comunque dei dubbi, contatta l’avvocato per stranieri più vicino a te per ricevere tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Il permesso di soggiorno

Gli avvocati vengono spesso consultati dagli stranieri per tutte quelle pratiche che hanno a che fare con la richiesta del permesso di soggiorno, con il blocco o lo smarrimento dello stesso, per la richiesta di conversione e per presentare ricorso in caso di rifiuto del rinnovo del permesso di soggiorno.

A tal proposito può tornare utile sapere che vi sono diverse tipologie di permesso di soggiorno, ad esempio vi è quello emesso per motivi personali come il ricongiungimento familiare, il permesso di soggiorno in seguito ad unione civile, quello richiesto per motivi di lavoro ed infine il permesso di soggiorno UE che permette di spostarsi in tutti gli Stati dell’Unione Europea a patto che vengano rispettati alcuni requisiti reddituali ed a patto che si abbia il permesso di soggiorno da un tempo minimo non inferiore a 5 anni.

La protezione internazionale

In quanto parte dell’Unione Europea, anche l’Italia al pari degli altri Stati membri garantisce agli stranieri la protezione internazionale, questo significa che lo straniero in fuga dal proprio Paese per motivi riconosciuti dall’ordinamento europeo non può essere reintegrato all’interno dello stesso.

Se però la Commissione ritiene che non sussistano le motivazioni e rigetta la richiesta di protezione internazionale, allora lo straniero può impugnare il rigetto rivolgendosi ad un avvocato.

Guida a cura dello Studio Legale

avvocato studio legale

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Città e telefono

    Il tuo messaggio

    About the Author

    Avv. Angelo Massaro
    Avvocato esperto in problematiche dell'immigrazione e diritto di cittadinanza

    Be the first to comment on "Avvocato per stranieri"

    Leave a comment

    error: Content is protected !!