Patente Ucraina in Italia 2016

patente ucrainaucraina

Sempre in tema di immigrazione e relativa presenza di cittadini stranieri nel nostro Paese, arriva l’ennesima notizia positiva a favore dei loro diritti.

Il tema affrontato stavolta riguarda l’accordo relativo al riconoscimento delle patenti di guida per i cittadini appartenenti alla comunità ucraina residenti però in Italia. Proprio lo scorso 19 novembre è stato firmato un accordo di tipo bilaterale durante la visita ufficiale del Presidente ucraino Petro Poroscenko nel nostro Paese che lo ha visto vicino alle figure del Presidente Sergio Mattarella nonché del premier Matteo Renzi.

A tal proposito preme dire che il tutto è stato dettato da un accordo preso tra il capo del Ministero degli affari interni dell’Ucraina Arsen Avakov e il suo collega in versione Italiana Angelino Alfano. Questo contratto in relazione a detto accordo, introduce uno scambio di identità nonché il riconoscimento reciproco del conducente stesso in possesso di patente, sempre con un preciso riferimento al Ministero degli affari interni ucraino.

Da questi incontri, oltre ad ottenere un accordo preciso riguardante la patente ucraina in Italia, sono stati tantissimi altri gli argomenti trattati in materia di rafforzo diplomatico tra i due rispettivi Paesi. Dallo stesso accordo preme dire che circa 250.000 cittadini ucraini hanno ottenuto con effetto immediato i relativi benefici in relazione a quanto detto sopra. Bisognerà adesso aspettare la ratifica per far si che detto accordo entri ufficialmente in vigore.

I tempi previsti per la stessa sono da ricercare in lassi temporali non di lunga scadenza. Molte erano le restrizioni a cui erano soggetti i cittadini ucraini residenti in Italia prima di questo accordo, tra i quali va ricordato che la patente da loro in possesso aveva validità solo per il primo anno di effettiva residenza. Al superamento di detto periodo, il singolo cittadino doveva seguire uno specifico corso in un autoscuola italiana e solo dopo aver superato regolarmente sia l’esame pratico che quello teorico, potevano avere la normale patente italiana.

Il tutto ha comportato non pochi disagi e difficoltà in quanto il singolo cittadino, di qualunque età, era costretto a seguire il percorso di chi è alle prime armi in tema di guida, difficoltà che veniva ulteriormente amplificata date le differenze linguistiche e del relativo linguaggio del codice stradale.

Come detto prima, molti altri argomenti sono stati ulteriormente trattati, tra questi in primis la semplificazione del regime in tema di visti da parte dell’Unione Europea nonché la riforma della giustizia ucraina.

Patente Ucraina in Italia 2016 : via libera alla conversione dal 30 maggio 2016

Grosse novità sono quelle in arrivo riguardanti il tema della conversione delle patenti di guida in possesso di cittadini stranieri residenti nel nostro Paese, e nello specifico di tutti coloro che hanno nazionalità Ucraina.

Sarà infatti grazie ad un accordo stipulato tra Roma e Kiev, firmato lo scorso novembre e che entrerà in vigore domenica 29 maggio, che guidare in Italia per tutti gli immigrati ucraini risulterà un’operazione davvero semplice.

Nello specifico, sarà a partire dal 30 maggio 2016 che tutti i cittadini immigrati di nazionalità Ucraina potranno recarsi presso gli Uffici della Motorizzazione e chiedere che la propria patente venga convertita in quella del nostro Paese.

Patente Ucraina iIalia 2016

Patente Ucraina Italia 2016

Il tutto avverrà con estrema semplicità, in quanto non sarà necessario sostenere nessun tipo di esame ne teorico, ne pratico, anche se vigono comunque delle limitazioni.

La conversione della patente infatti, sarà possibile solo per tutti i cittadini ucraini le cui patenti sono state rilasciate prima che lo stesso cittadino prendesse la residenza in Italia.

In alternativa, per tutti coloro che risultassero residenti in Italia da oltre quattro anni, sarà possibile convertire la patente, ma solo dopo essersi sottoposto non solo a revisione ma anche sostenendo specifici esami sia di tipo teorico che pratico.

Una bella notizia quindi, che nonostante si sia fatta un po’ attendere ha dato dei risultati abbastanza soddisfacenti anche se alcuni rimangono delusi di fronte alla clausola adottata per coloro che risiedono in Italia da quatto o più anni.

Tra questi, troviamo Marianna Soronevych, caporedattrice di Gazetaukrainska.com che afferma così:Il limite dei quattro anni è fortemente limitante per la nostra comunità, visto che il grosso degli arrivi o delle regolarizzazioni in Italia sono precedenti. Ultimamente, senza flussi per lavoro, si arriva solo con i ricongiungimenti”.

Va ricordato che il blocco è stato voluto dal nostro Governo, così come in altri accordi sempre riferiti alle conversioni.

Secondo i dati espressi dallo stesso Ministero dei Trasporti, ad oggi sarebbero circa 65 mila gli ucraini che già hanno una patente italiana, e che abbiano libera circolazione circa 50 mila auto i cui proprietari sono ucraini, nonché 5 mila moto.

Cifre che, alla luce del nuovo accordo stipulato, tenderanno certamente ad aumentare, considerando che quella ucraina è una tra le comunità più numerose presenti nel nostro Paese.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Città

Il tuo messaggio


avvocato studio legalestudio legale per cittadinanza

About the Author

Maria Elena Virga
Maria Elena Virga
Maria Elena Virga, copywriter in erba, articolista con un buon bagaglio di esperienza. Per lei scrivere è arte, e come tale ama redarre articoli del tutto originali in ogni sua parte e contenuto. Freelance in materia di immigrazione e cittadinanza.

6 Comments on "Patente Ucraina in Italia 2016"

  1. Buona sera io sono in possesso di una patente Ucraina o letto una notizia per possessori di patente Ucraina che si puo’ convertire in quella Italiana volevo sapere se era gia in vigore. Una volta convertita, la sua validita era perenne o aveva una scadenza. Grazie sono in attesa di una vostra risposta buona sera

  2. Buongiorno,vorrei sapere se posso convertire la mia patente cat B ucraina conseguita nell anno 2012,anche se la prima residenza in italia ha data luglio 2011,distinti saluti,grazie

  3. Da oggi va in vigore accordo reciproca tra Italia e Ucraina per riconoscimento di patente di guida.
    Le mie domande sono:
    1.La traduzione timbrata in Consolato che o fatto alcuni anni fa e’ sempre valida?
    2.Validità del accordo vale 5 anni.
    Che succede dopo, se patente ucraina va ritirata?
    Come potrò guidare in Ucraina?
    P.s. Patente ucraina non ha la scadenza, che ritengo giusto, perchè con anni si va a migliorare la guida grazia al esperienza maggiorata, altra cosa lo stato di salute.
    3.Quali passi devo fare adesso basta presentare la domanda per riconoscimento al motorizzazione ?

  4. L’accordo Bilaterale siglato nel 19/11/2015 ha avuto seguito o è ancora tutto bloccato ?
    Il Ministero degli interni Italiano sembra non abbia dato alcuna disposizione sul come ottenere la patente italiana per cittadini Ucraini in Italia e muniti di regolare permesso di soggiorno. Così mi hanno riferito all’ispettorato della motorizzazione di Bergamo. Risponde a verità ?

  5. Salve, ho letto sopra che un ucraino residente in Italia da più di 4 anni dovrà sostenere specifici esami teorici e pratici per poter convertire la patente Ucraina in patente italiana. È possibile sapere che tipo di esami teorici dovrà fare?
    Grazie e cordiali saluti.

  6. ho fatto la domanda in Motorizzazione il 15 giugno con traduzione fatta prima tramite asseverata e legalizzazione presso la prefettura. Dopo 50 giorno ancora niente!

    Quindi frasi come : “Il tutto avverrà con estrema semplicità” o “ avrai subito disponibile la nuova patente!” fanno solo arrabbiare… Altro che ministero delle semplificazioni.

    L’Italia non si libererà mai della burocrazia.
    Ci mangiano sopra troppe persone che non saprebbero fare nient’altro

Comments are closed.