Cittadini ucraini senza visto

Patente-ucraina-italia-2016ucraina-italia-2016

Ucraina, sparisce il visto verso l’UE ma solo per viaggi brevi

Primo passo verso la libera circolazione tra Ucraina e i Paesi dell’Unione Europea. Una trattativa che andava avanti da otto anni

I cittadini ucraini sono un po’ più vicini all’Europa del blocco occidentale, ma non ancora dentro. Il 17 novembre infatti era atteso il via libera per gli ingressi senza frontiere degli ucraini negli altri stati dell’UE, ma in realtà la Commissione Libertà civili del Parlamento europeo ha votato a favore delle liberalizzazione per i visti destinati a soggiorni brevi tra i 28 Paesi dell’Unione e l’Ucraina.

Un provvedimento approvato con 38 voti a favore, 4 contrari e un’astensione ma che adesso dovrà essere ridiscusso con il Consiglio prima dell’approvazione finale e della successiva entrata in vigore. In pratica come già succede per i cittadini di una sessantina di nazioni diverse al mondo, anche quelli con cittadinanza e passaporto ucraino potranno fare il loro ingresso nei Paesi dell’Area.

Schengen senza bisogno di visto per un massimo di tre mesi se giustificano il loro viaggio con motivi di turismo, affari o cause familiari, ma non per motivi legati al lavoro.

Il Consiglio europeo ha messo però un paletto importante: la liberalizzazione dei visti dovrà entrare in vigore insieme al nuovo meccanismo di emergenza che l’Unione Europea sta mettendo a punto. Un passaggio che permetterà di introdurre in maniera immediata i visti se ad esempio dovesse aumentare al’immigrazione irregolare oppure ancora il numero di richieste d’asilo o se l’Ucraina si rifiutasse di collaborare in maniera fattiva per la riammissione degli irregolari che sono stati espulsi dopo regolari provvedimenti.

Una possibilità, quella dell’immigrazione irregolare e dell’aumento di pericoli per la sicurezza, al momento comunque remota visto che la percentuale di rifiuto per i visti Ue destinato ai cittadini ucraini è inferiore al 2% e l’incidenza di ritorno dei migranti irregolari, in base ad un accordo di riammissione bilaterale firmato nel 2007, è di oltre l’80%.

patente ucraina

ucraina

L’UE e il governo ucraino hanno iniziato trattative sulla liberalizzazione dei visti già nel 2008, ma solo alla fine dello scorso anno la Commissione europea aveva concluso che l’Ucraina avesse compiuto i progressi necessari soddisfacendo tutti i parametri di riferimento, nonostante i gravi problemi di sicurezza interna dovuti alle frizioni con la Russia.

Così nell’aprile 2016 era stata presentata la proposta di concedere ai cittadini ucraini l’accesso senza visto verso l’Ue.

Peter Javorčík, rappresentante permanente presso l’Ue della Slovacchia e presidente di turno del Comitato dei Rappresentanti Permanenti, è soddisfatto: “Il Consiglio ha dimostrato il suo impegno sull’esenzione dei visti per i cittadini ucraini, considerando che il loro Paese ha raggiunto tutti gli obiettivi prefissati. Sono anche lieto che la nostra decisione manderà un messaggio positivo all’incontro tra Ue e Ucraina del 24 novembre”.

Approfondimento : patente Ucraina in Italia

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Città

Il tuo messaggio


avvocato studio legalestudio legale per cittadinanza

About the Author

Avv. Angelo Massaro
Avvocato esperto in problematiche dell'immigrazione e diritto di cittadinanza